Coronavirus, cosa lascia di positivo nel mondo

Blog Coronavirus Effetti Positivi Copertina

Coronavirus, cosa lascia di positivo nel mondo

Una medaglia ha sempre due facce. Esaminiamo i risvolti positivi lasciati dal Coronavirus: dalla riduzione delle emissioni di anidride carbonica alla brillante idea di salvare l’industria dei fiori d’Olanda.

L’epidemia da Coronavirus è senza alcun dubbio la peggior catastrofe che la nostra generazione ha dovuto affrontare. Tante sono state le vittime del virus, e proprio per salvaguardare la nostra salute e quella dei nostri cari abbiamo dovuto rinunciare alla libertà di vivere il mondo al di fuori delle mura di casa. Non parliamo poi dei risvolti negativi sull’economia, sia imprenditoriale che domestica. Insomma, se si parla di Covid-19 è difficile pensare che si possa trarre del buono da questa situazione.

Ma è arrivato il momento di guardare avanti. Trovare il modo di darci una scossa e tornare alla nostra normalità, cercando di guardare il bicchiere mezzo pieno.
Per fare ciò servirà impegno, e noi abbiamo deciso di darvi un aiuto andando a scovare il lascito positivo di un evento tanto drammatico.
Buona lettura.

Le emissioni di anidride carbonica sono state ridotte come mai prima d’ora.

Gran parte del pianeta si è fermato a causa del Coronavirus. Molti voli aerei sono stati cancellati, il traffico stradale è bruscamente diminuito e il lockdown ha causato lo stop di tante industrie. Il risultato di questo arresto forzato è che le emissioni globali di anidride carbonica degli ultimi tre mesi sono diminuite di un terzo. Per farvi un esempio, tra Febbraio e Marzo, le emissioni di CO2 prodotte dalla Cina sono calate di 200 milioni di tonnellate. In paragone lo stesso inquinamento che l’Italia produce in un anno.
Ma la Cina non è l’unica nazione ad inquinare di meno, e l’umanità sta respirando aria decisamente più pulita un po’ ovunque.

Blog Coronavirus Effetti Positivi Cina

In India i livelli di inquinamento sono diminuiti drasticamente.

Dall’inizio della pandemia, i livelli d’inquinamento in India sono diminuiti drasticamente. Lo stato indiano risulta essere infatti uno dei più inquinanti al mondo, ma la quarantena ha riscosso dei esiti incredibili in termini ambientali anche qui. Il risultato è che i cieli indiani hanno perso quell’alone di foschia grigiastra. Lo dimostra un’immagine scattata e condivisa online da gran parte della popolazione del nord del Paese. Sull’orizzonte indiano si torna a vedere dopo 30 anni la vetta innevata dell’Himalaya, distante ben 200 chilometri oltre il confine col Nepal.

Blog Coronavirus Effetti Positivi Himalaya

Venezia non è mai stata cosi bella.

Tutti conoscono Venezia per la sua incredibile bellezza. Ma la città lagunare ha anche la fama di essere molto inquinata. II turismo di massa, l’elevato numero di barche che solcano canal grande e la sua posizione geografica sono sempre stati causa di un crescente inquinamento. Grazie al lockdown, la città si è svuotata dall’eccessivo turismo, le tante barche a motore sono rimaste ormeggiate e le mastodontiche navi da crociera hanno smesso di navigare le sue acque. In poco più di due settimane i canali hanno iniziato a ripulirsi, a tal punto da cambiare da torbide a un color turchese. In alcuni punti l’acqua è cosi pulita che si riescono a vedere i banchi di pesci, mentre nella vicina Burano sono tornati i cigni.
Purtroppo il video dei delfini nelle acque di Venezia era una bufala, ma i giocosi cetacei sono riapparsi in molte altre località della nostra penisola.

Blog Coronavirus Effetti Positivi Venezia

In Australia la natura sta rinascendo dalle sue ceneri.

Non è passato molto tempo da quando l’Australia è stata devastata dai numerosi incendi che hanno interessato il sud-est del paese alla fine dello scorso anno. Ricordiamo tutti i video di boschi in fiamme e dei poveri koala che a migliaia hanno perso la vita.
Tutto sembrava essere andato per l’appunto in fumo, ma oggi, a incendi domati, la natura ha cominciato a ricrescere più velocemente di prima. Il lockdown, che interessa anche lo stato australiano, ha permesso alla natura di riprendersi i suoi spazi.
La riduzione globale dell’inquinamento inoltre ha portato una significante riduzione del Buco dell’Ozono. Un fenomeno che ha avuto sicuramente un impatto positivo sull’ecosistema.
Nuovi germogli stanno nascendo dai vecchi alberi bruciati, il manto erboso si sta riformando e gli animali stanno ripopolando il loro Habitat.

Blog Coronavirus Effetti Positivi Australia

Molti Paesi hanno attuato una politica di salvaguardia dell’ambiente.

La pausa forzata che ci ha imposto il coronavirus ha spinto molti Paesi ad approfittare del calo del turismo per attuare progetti volti alla salvaguardia dell’ambiente.
Le autorità Indonesiane per esempio hanno deciso di  chiudere l’isola di Komodo, per salvaguardare il fragile ecosistema, minacciato da tempo dal turismo sempre più invadente.
La stessa sorte è toccata a Maya Bay, la celebre spiaggia del film “The Beach” in Thailandia, chiusa al turismo per l’eccessivo inquinamento. Le autorità hanno posticipato alla fine del lockdown la riapertura della baia al pubblico, facendo guadagnare all’insenatura qualche altro mese per rigenerarsi.
Nelle Filippine invece hanno approfittato del momento per avviare un programma di pulizia dei fondali marini dalla plastica in modo da preservare la barriera corallina.

Blog-Coronavirus-Effetti Positivi Pulizia Mare

Uno stop necessario al turismo di massa.

Il turismo di massa spesso priva del loro fascino molti dei siti d’interesse più belli al mondo. Basti pensare a Machu Picchu, alle Niagara Falls o al Taj Mahal, sempre sovraffollati da comitive di turisti. Provate ora ad immaginare questi splendidi luoghi durante la quarantena, completamente privi di visitatori. Sarebbe  spettacolare poterli vedere così.
Certo è che i primi che torneranno a viaggiare, quando il coronavirus sarà sconfitto, si ritroveranno di fronte ad un mondo molto meno affollato di turisti. Questa potrebbe quindi diventare un’opportunità più unica che rara, per poter visitare luoghi come le Piramidi di Giza in Egitto o Angkor Wat in Cambogia con la metà, se non addirittura un terzo, dei turisti che ci sarebbero normalmente.
Un motivo in più per pensare al prossimo viaggio.

Blog Coronavirus Effetti Positivi Machu Picchu

La nascita di un nuovo tipo di turismo.

Tuttavia non è ancora il tempo di ricominciare a viaggiare e per chi ama girare il mondo non c’è cosa peggiore che essere costretto a casa. Una via di fuga però la abbiamo grazie alle ultime tecnologie, come il  “Turismo Virtuale”. Dal Colosseo al Grand Canyon, dai musei di storia alle gallerie d’arte, molti luoghi hanno aperto virtualmente le loro porte ai turisti del web, creando veri e propri tour interattivi. Un nuovo modo di fare turismo che permette a chiunque di viaggiare anche in tempi di coronavirus, oltretutto abbattendo ogni barriera sociale. Vi consigliamo di dare un’occhiata al Google Art Project.

Blog Coronavirus Effetti Positivi Tour Virtuali

Solidarietà con la “S” maiuscola.

L’aspetto solidale è senza dubbio quello che ci sta più a cuore. Durante il lockdown ci è capitato spesso di leggere storie di solidarietà dal mondo. Questo ci ha portato a riscoprire un’umanità globale che i più pessimisti credevano perduta.
Un esempio ce lo porta l’Olanda. Nei Paesi Bassi l’industria dei fiori è stata messa in ginocchio dalla pandemia.  così che oltre 1000 imprenditori olandesi hanno deciso di acquistare oltre un Milione di fiori da donare agli ospedali dove si combatte il Covid. Allo stesso tempo ovviamente hanno salvato l’economia dei fiorai.
Un gesto che ha stimolato ed ispirato molte campagne di solidarietà nate durante questa quarantena a sostegno dei più deboli, anche nel nostro Paese.

Blog Coronavirus Effetti Positivi Olanda

Un esempio nostrano è documentato in un servizio delle Iene. Proprio dal popolare programma di Italia 1 è partita l’iniziativa di donare PC e Tablet agli alunni di una scuola di Zen, uno tra i quartieri più poveri di Palermo. Partendo dalla provincia di Bergamo e scendendo lo stivale, la iena Ismaele La Vardera ha raccolto gesti di solidarietà di aziende e privati di tutta Italia. Racimolato oltre un tir di attrezzatura tecnologica, Ismaele ha infine recapitato alla scuola Giovanni Falcone i dispositivi, mostrando l’enorme cuore del nostro paese.
Questo ci fa senza dubbio ben sperare per il nostro futuro come comunità.

Tanto libero per imparare qualcosa di nuovo.

Il periodo di isolamento in casa ci ha messo a disposizione molto tempo libero. In molti hanno impiegato questi momenti per riscoprire le arti della tradizione, spesso andate perse col tempo.
In molti quindi si sono riscoperti pasticceri, panettieri e pizzaioli. Sui social abbiamo assistito ad una vera e propria invasione di chef. In tanti hanno riscoperto l’arte del cucito o della pittura. Abbiamo avuto il tempo di leggere libri e di vivere appieno la famiglia. Insomma, la vita ha rallentato, e forse nel mondo frenetico in cui viviamo ce n’era bisogno per riscoprire un po’ di noi stessi.
Ovviamente, per i viaggiatori seriali come noi, questo è stato un ottimo momento per pianificare il prossimo viaggio. Siamo certi che torneremo presto a viaggiare, quindi meglio non farsi trovare impreparati.


Se ti è piaciuto il nostro articolo:“Coronavirus: cosa lascia di positivo nel mondo” e desideri leggerne altri ti invitiamo a visitare il nostro Blog. Per saperne di più su come organizzare il tuo prossimo viaggio inviaci un’e-mail o contattaci telefonicamente. Insieme torneremo a viaggiare.

NUOVORAGGIO srl Via Pontinia, 40 - 04100, Latina - P.I. 02670990593
Privacy Policy